118 Taranto. Di Cuia: “dopo mie audizioni, confermata la grave carenza di personale. Ma la Giunta?”

[epvc_views]

Nota del consigliere regionale di Forza Italia, Massimiliano Di Cuia.

«Purtroppo, l’esito delle audizioni che avevo richiesto oggi in Commissione Sanità sul servizio 118 in provincia di Taranto, ha confermato le mie preoccupazioni: siamo in ritardo e c’è una carenza d’organico che può determinare il collasso del sistema. Non mi piace cedere all’allarmismo, ma non posso sottacere che una Giunta regionale non possa dimenticarsi di certe necessità, soprattutto se parliamo di una Regione a fortissima vocazione turistica come la nostra che, quindi, si appresta a registrare elevati picchi di presenze nel periodo estivo. Dai sindacati alla Asl e alla Sanitaservice: tutti hanno stigmatizzato l’emergenza e le grandi difficoltà.

Nonostante questo –bisogna dirlo- nel nostro territorio c’è un tasso di mortalità post soccorso del 2%, tra i più bassi d’Italia. Segno che i nostri operatori sono capaci e lavorano con abnegazione, ma le criticità sono insuperabili senza un intervento deciso da parte della Regione. Su 75 medici previsti dalle piante organiche per il 118 a Taranto ce ne sono solo 16 e mancano all’appello anche 30 infermieri: numeri destinati a peggiorare d’estate, con l’esigenza di garantire le ferie a tutto il personale. Emiliano, a pochi giorni dalle scorse regionali, si fece fotografare mentre firmava i contratti di internalizzazione di una parte di operatori, promettendo la conclusione del percorso per tutti. Questa si è rivelata un’amara promessa elettorale non mantenuta e noi torneremo ciclicamente a intervenire per sollecitare nuove assunzioni. Taranto ha patito già troppo».

News dal Network

Promo