Rc Auto: Codacons, rallentamento non basta, tariffe devono scendere

[epvc_views]

Il rallentamento delle tariffe Rc auto monitorato dall’Ivass “è insufficiente” per il Codacons, con i prezzi delle polizze che risultano ancora oggi immotivatamente in rialzo. Lo afferma l’associazione, commentando i dati emersi dalla relazione annuale dell’Ivass. “Terminati gli effetti del caro-energia e dell’inflazione, e in assenza di un incremento della incidentalità in Italia, le tariffe Rc auto dovrebbero invertire la rotta a tornare a scendere – spiega il presidente Carlo Rienzi – Al contrario l’Ivass certifica un trend al rialzo, seppur in rallentamento, anche nei primi mesi del 2024, con la polizza media che si attesta oggi sui 400 euro”.

“Da più parti si avanza il sospetto che le compagnie di assicurazioni, anche in assenza di un incremento dei sinistri lungo le strade italiane, stiano scaricando sugli assicurati le conseguenze della crisi della logistica internazionale, che ha portato a rincari per le componentistiche auto e soprattutto per i pezzi di ricambio, e ad un allungamento dei tempi delle riparazioni. Una situazione sulla quale l’Ivass farebbe bene a puntare il proprio faro, per capire se ci siano alterazioni del mercato o fenomeni speculativi a danno di automobilisti e assicurati”, conclude il Codacons.

News dal Network

Promo