Moscati Taranto, Perrini: “Disagi per malati oncologici costretti con i loro familiari ad attendere sotto il sole”

[epvc_views]

Nota del vicepresidente della Commissione Sanità e consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Renato Perrini,.
 
“Nelle scorse ore, ho ricevuto numerose segnalazioni da alcuni pazienti oncologici e familiari, costretti ad attendere all’esterno dell’ospedale Moscati di Taranto, con temperature che mettono a repentaglio lo stato salutare dei pazienti, generando così un forte disagio. Nei prossimi giorni effettuerò un sopralluogo con il neo sindaco di Statte Fabio Spada e con il direttore generale dell’Asl di Taranto, Gregorio Colacicco, per adottare provvedimenti urgenti per regolare l’accesso nell’area ospedaliera al fine di ridurre le criticità. L’iniziativa prosegue una serie di azioni da me avviate nel corso degli anni. Peraltro all’Ospedale i lavori di coibentazione ed efficientamento energetico sono terminati. Lo spazio accoglienza allestito e ristrutturato sarà doppio. Un risultato, quello ottenuto, che io reputo importantissimo, perché fin dall’inizio ho insistito per far spostare il 118 affinché ci fosse un unico reparto di Ematologia.

Le prossime battaglie saranno per installare le pensiline all’esterno della struttura in modo da alleviare i disagi ai pazienti e alle famiglie ma allo stesso tempo rendere l’Ospedale Moscati ancora più fruibile. In merito alla realizzazione dei nuovi parcheggi, già a giugno 2021 chiesi, attraverso una apposita interrogazione, risposte alla Regione Puglia. Ad oggi, però, permangono numerose criticità, nonostante la Asl di Taranto avesse in fase di redazione un progetto per un parcheggio proprio nella zona retrostante l’ospedale, su un terreno di sua proprietà. Un’area che, tuttavia, è posta a vincolo paesaggistico per cui è stata chiesta al Comune di Statte la rettifica degli elaborati del Piano Paesaggistico Territoriale Regionale al fine di poter eseguire gli interventi necessari alla realizzazione del parcheggio.

Insomma, continua a regnare il caos, persiste, infatti, una situazione di grande disagio, più volte segnalato, all’interno dell’area parcheggio dell’ospedale che, soprattutto in alcune fasce orarie, è interessata dalla circolazione di un gran numero di autoveicoli, determinando una condizione insostenibile per il personale ospedaliero, pazienti e familiari che usufruiscono dello stesso.
L’ospedale Moscati deve restare un nosocomio d’eccellenza anche dopo l’apertura dell’ospedale San Cataldo”.

News dal Network

Promo