Crisi idrica nel tarantino: L’appello di Cia Due Mari per soluzioni immediate

[epvc_views]

La provincia di Taranto sta affrontando una grave crisi idrica, con conseguenze preoccupanti per gli agricoltori locali e la produzione agricola. L’Area Due Mari di CIA Agricoltori Italiani di Puglia ha lanciato un accorato appello ai prefetti di Taranto e Matera, nonché ai presidenti delle regioni Puglia e Basilicata. La situazione è critica: la carenza d’acqua minaccia seriamente le colture della zona.

La diga di San Giuliano, condivisa tra le due regioni, è al centro del problema. Nonostante gli accordi storici risalenti al 1958, recenti inadempienze e la scarsità di piogge invernali hanno aggravato la situazione. Coltivazioni di vite, agrumi, frutticoltura e ortaggi a Ginosa, Palagianello e Castellaneta stanno soffrendo per l’insufficiente irrigazione.

La Puglia riceve quantità d’acqua ben al di sotto degli accordi, mentre la Basilicata continua a beneficiare regolarmente delle risorse idriche. La CIA chiede con urgenza l’erogazione di almeno 800 litri al secondo verso la Puglia e sollecita il Consorzio di Bonifica Centro Sud Puglia a rimuovere gli ostacoli burocratici.

Le autorità devono intervenire rapidamente per evitare ulteriori danni economici e ambientali.

News dal Network

Promo