Puglia: Anci, ‘pronti a gestione dell’acqua, trovare soluzioni per nuova legge’

40 Visite

“I Comuni pugliesi sono pronti ad assumersi la responsabilità della gestione dell’acqua nell’interesse collettivo dei cittadini”. Così Anci Puglia che fa affidamento al dialogo istituzionale per evitare lo scontro, dopo l’impugnativa della legge regionale sul servizio idrico integrato da parte del Consiglio dei ministri, per la possibilità di profili di incostituzionalità e violazioni delle norme sulla concorrenza.

”Confidiamo ancora nell’interlocuzione politica tra Ministeri competenti e Regione – ha detto la presidente Fiorenza Pascazio – e nelle reciproche aperture per affrontare le questioni tecniche e superare eventuali profili di legittimità della legge regionale 14/2024, laddove possibile attraverso una modifica”.

L’Anci aveva accolto positivamente la legge che consente ai Comuni di entrare nel capitale sociale di Acquedotto Pugliese – Aqp. ”Bisogna sedersi a tavolino e trovare soluzioni condivise – ha aggiunto Pascazio – per evitare la privatizzazione dell’acqua in Puglia; uno scenario improponibile che preoccupa fortemente i sindaci e le comunità, i quali in più occasioni hanno manifestato di voler preservare e mantenere saldamente la gestione del servizio idrico integrato in mano pubblica a tutela dell’interesse collettivo, per garantire equa accessibilità, efficienza e qualità dei servizi”.

News dal Network

Promo