A Taranto scoperte cozze inquinate

106 Visite

Hanno scaricato in mare e nel suolo i reflui derivanti dal processo di lavorazione industriale di uno stabilimento di acquacoltura, uno dei più importanti impianti di pescicoltura con sede a san Vito nel tarantino.

Per questo, 5 persone risultano al momento indagate: il gestore e l’amministratore di una cooperativa e 3 dipendenti. Stando a quanto si apprende, lo sversamento avrebbe provocato l’inquinamento di mar Grande e delle cozze allevate in quella zona poi destinate al commercio. Venivano sversati batteri come escherichia-coli, scarti di mangime e feci animali nonché sostanze chimiche come ipocloriti. Le indagini della Guardia costiera sono durate mesi e hanno permesso di ricostruire l’attività criminosa che ha determinato un profitto di circa 362 mila euro. (Fonte: Norbaonline)

News dal Network

Promo