Ex Ilva, Codacons: “altri 150 mln per salvare acciaieria, soldi sottratti a salute e bonifica”

81 Visite

“I 150 milioni di euro stanziati dal Governo per salvare Acciaierie d’Italia rappresentano una vergogna per un paese civile. Si tratta di soldi che vengono sottratti alla salute dei cittadini di Taranto e all’ambiente. I 150 milioni di euro verranno infatti prelevati dai fondi sequestrati alla famiglia Riva e destinati alla bonifica ambientale, peraltro mai realizzata”. Lo afferma il Codacons, intervenendo sugli interventi annunciati dal ministro Adolfo Urso volti a garantire il funzionamento degli impianti ex Ilva di Taranto.

“Una scelta ancora più grave se si considera che nel corso dell’udienza al Tar dello scorso 24 aprile – continua l’associazione – i legali di Acciaierie d’Italia hanno affermato che ‘soltanto’ 4 delle misure ambientali previste (sic!) non sono state ancora realizzate nonostante il termine di legge scaduto ad agosto 2023. Tra queste rientrano la rimozione dell’amianto, ossia una delle cause principali dell’insorgenza di tumori tra lavoratori e cittadini”.

“Cambiano i governi, ma sul fronte della tutela della salute dei cittadini di Taranto l’indifferenza e l’immobilismo rimangono purtroppo sempre gli stessi”,
conclude il Codacons.

News dal Network

Promo