Monitoraggio ex Ilva: Aress Regione Puglia “risponde” a Bonelli

87 Visite

«L’aggiornamento dello studio epidemiologico su Taranto è in corso e la programmazione delle attività è sostenuta esclusivamente da valutazioni di tipo tecnico». E quanto afferma in una nota Ares Regione Puglia.

Precisazioni che giungono dopo le affermazioni del deputato di alleanza Verdi e sinistra e con portavoce di Europa verde, Angelo Bonelli, che ha dichiarato, «si è aperto in questi giorni l’appello del processo ambiente svenduto con una grave lacuna, il non aggiornamento dello studio epidemiologico. Fondamentale per comprendere l’evoluzione delle malattie e della mortalità dovute all’inquinamento ex Ilva. Lo studio in questione non è aggiornato dal 2016. Il comportamento della regione prosegue l’ecologista è assolutamente censurabile».

Dichiarazioni analoghe sono state rilasciate anche da Alessandro Marescotti, (PeaceLink).«proprio nel giorno in cui si è svolta la prima udienza in appello del processo ambiente svenduto, dobbiamo lamentare il fatto che la Regione Puglia arrivi a questo appuntamento senza aver aggiornato lo studio epidemiologico fondamentale di questo processo che è lo studio forastiere che definisce i rapporti causa effetto fra inquinamento prodotto da ex Ilva ed impatto sulla salute».

A queste affermazioni la Regione Puglia risponde «lo studio è inquadrato nell’ambito di un articolato programma nazionale interventi sui siti contaminati che vede la stessa regione capofila di una cordata a cui partecipano 14 regioni e che prevede il consolidamento degli strumenti di sorveglianza epidemiologica e ambientale. La ricerca prosegue e non si è mai fermata». (antennasud)

News dal Network

Promo