Ex Ilva: domani cittadini in piazza, “chiusura e riconversione”

81 Visite

Si chiama L’onda del futuro la manifestazione organizzata dalle associazioni riunite di Taranto, a cui aderiscono i principali movimenti ambientalisti del territorio, ordini professionali e studenti, che domani, martedì 23 aprile, sfileranno per le vie della città per chiedere “una seria riconversione economica dell’intero territorio, che parta dallo smantellamento degli impianti dell’ex Ilva e dalla riqualificazione di tutti i lavoratori che devono diventare i veri protagonisti della decontaminazione e della bonifica dell’intera area industriale”.

    Il raduno è previsto alle 16.30 nel piazzale Bestat.

Il corteo partirà alle ore 17 e attraverserà via Solito, via Alto Adige, viale Magna Grecia e via Blandamura per arrivare al parco archeologico delle Mura greche, location dove si svolge il concertone dell’Uno Maggio Libero e Pensante.

    Sarà una marcia, hanno spiegato gli attivisti, “capeggiata dai bambini, tra questi i piccoli atleti della Virtus Taranto, dalla loro innocenza, per ricordare a tutti che chi tra di noi é adulto, ha una grande responsabilità: la loro vita, la vita dei loro figli e delle future generazioni.

E se molti adulti lo hanno dimenticato per colpa di tutto ciò che questa città ha subito e continua a subire, ce lo ricordano loro, i bambini.

    L’urlo dei bambini della nostra città è chiaro: l’onda del futuro siamo noi”.

    Le associazioni riunite ricordano che le “varie indagini epidemiologiche” hanno attestato come “l’inquinamento industriale abbia causato un picco di malattie oncologiche e un aumento continuo di malattie rare e malformazioni congenite. E’ una fabbrica non più compatibile con la vita umana ed economicamente insolvente. Non c’è più interesse strategico a cercare di mantenere in piedi una produzione del genere, qui.

    Scenderemo in piazza per affermare che l’unico futuro per Taranto e la provincia è senza acciaieria “. (ansa)

News dal Network

Promo