Mamma e figlio muoiono in schianto, ‘mettere in sicurezza Ss100’

89 Visite

«Il dolore per le vittime del grave incidente stradale avvenuto ieri pomeriggio sulla strada statale 100 deve farci riflettere sugli interventi necessari ad evitare il ripetersi di simili tragedie».

A dichiararlo sono i consiglieri comunali di Taranto del gruppo Svolta Liberale Francesco Cosa, Mimmo Festinante, Walter Musillo, in merito al tragico incidente stradale avvenuto nel pomeriggio sulla SS100 Taranto-Bari, in territorio di Mottola, in cui hanno perso la vita una donna di 41 anni originaria della Bulgaria, e suo figlio di 12 anni, residenti a Palagiano. Il ragazzino giocava come portiere nelle giovanili di una società dilettantistica di Bari.

Madre e figlio si trovavano a bordo di una Kia Sportage che, per cause in corso di accertamento, si è schiantata contro un tir guidato da un 24enne, rimasto ferito, all’altezza dello svincolo per San Basilio, nei pressi dell’area di sosta della Sala Azzurra. Il conducente dell’auto, un 37enne operaio dello stabilimento Leonardo di Grottaglie, marito e padre delle due vittime, è stato trasportato in condizioni critiche all’ospedale Santissima Annunziata di Taranto.A ncora da chiarire le le cause dello schianto.

 “Il tratto critico – aggiungono i consiglieri comunali – è quello che da Gioia del Colle conduce sino a Taranto, dove si verificano frequenti scontri frontali a causa dell’assenza di spartitraffico e troppo spesso si contano vittime. Eppure, è un momento in cui ci sono diversi fondi a servizio di grandi progetti, a partire da quelli del Pnrr”. Gli esponenti di Svolta liberale rilanciano anche la proposta già avanzata dal consigliere regionale Renato Perrini di Fratelli d’Italia di “rendere gratuita l’autostrada Bari-Taranto nell’attesa del completamento degli interventi di messa in sicurezza”. (Fonte: aAsa)

News dal Network

Promo