Sanità: Lopalco, “si gioca sulla parola tagli invece di fare seria analisi”

61 Visite

«Con aumento bisogni legati a invecchiamento popolazione fondi insufficienti anche a garantire i livelli minimi»

Sul finanziamento della sanità, “tra tagli lamentati e tagli negati” piuttosto «che giocare con le parole servirebbe una seria analisi della crisi in cui versa il nostro servizio sanitario». Interviene così Pierluigi Lopalco, docente di Igiene all’Università del Salento, nel dibattito sui fondi alla sanità che coinvolge la società civile – con il recente appello di 14 scienziati che hanno chiesto maggiori finanziamenti per il Ssn in difficoltà – le Regioni e l’opposizione, mentre il Governo ribadisce, attraverso la premier Giorgia Meloni e il ministro della Salute Orazio Schillaci, che non è stato operato alcun definanziamento.

«I fraintendimenti – evidenzia Lopalco all’Adnkronos Salute – si giocano sul termine ‘tagli’. Il Governo mostra le cifre del finanziamento del sistema che sono superiori in termini assoluti. Ma considerando l’aumento dei costi delle tecnologie e l’aumento dei bisogni di assistenza legati all’invecchiamento della popolazione quel finanziamento è assolutamente insufficiente anche a garantire i livelli minimi».

News dal Network

Promo