In Puglia riparte il bando per l’abitare sociale

61 Visite

«È stata pubblicata la manifestazione di interesse rivolta ai Comuni pugliesi per la presentazione di progetti pilota di coabitazione sociale e di condomini solidali. L’obiettivo è promuovere la cultura dell’abitare sociale, fornendo risposte concrete al bisogno di un alloggio dignitoso e sviluppando sistemi innovativi di comunità. In tre anni stiamo mettendo a disposizione 600mila euro per questi progetti, perché crediamo fortemente in una politica che proponga un nuovo assetto abitativo che consenta di dare risposte immediate ai bisogni di chi vive esperienze di esclusione sociale, come coppie di anziani soli, famiglie monogenitoriali, famiglie con persone disabili, persone singole in età avanzata, nuclei di immigrati regolarmente presenti sul territorio nazionale, e donne vittime di violenza costrette a lasciare il proprio domicilio e che necessitano di ritrovare la propria indipendenza. Proprio per i progetti destinati alle donne vittime di violenza questo assessorato ha voluto fortemente che vi fossero delle premialità».

Così, in una nota pubblicata sul sito della Regione Puglia, l’assessora alla Politiche abitative Anna Grazia Maraschio nell’annunciare l’avvio del bando. La dotazione finanziaria prevista è di 200mila euro per l’esercizio finanziario 2024 e di pari importo per gli esercizi finanziari 2025 e 2026. Per ciascun progetto pilota potrà essere richiesto un contributo massimo di 25mila euro.

«Con l’assessora Maraschio, che ringrazio, stiamo lavorando da tempo per un nuovo modello di welfare abitativo”, spiega la collega al Welfare, Rosa Barone. “Puntiamo sull’abitare ‘sociale’ per sostenere il senso di comunità e la collaborazione tra gli abitanti, coinvolgendo gli enti del terzo settore. Stiamo dando un segnale concreto di attenzione per le persone più fragili e per le donne vittime di violenza, che devono lasciare il loro domicilio. Una scelta in continuità con quanto portato avanti dall’assessorato al Welfare con la misura ‘Dote per l’empowerment e l’autonomia’, che promuove percorsi per l’inserimento lavorativo e interventi per l’autonomia abitativa. Il bando per l’abitare sociale è una ulteriore dimostrazione dell’importanza dell’impegno integrato tra i due assessorati per rispondere alle esigenze dei cittadini più fragili». 

 Il progetto, condiviso tra i due assessorati, sarà gestito dai Comuni, per il tramite di enti del terzo settore inquadrabili nell’ambito delle cooperative sociali regolarmente iscritte all’albo regionale della Puglia, nonché altri enti mutualistici e senza fini di lucro, tra cui le cooperative di comunità che hanno esperienza nell’ambito delle attività indicate nell’avviso. La scadenza per la presentazione delle domande è fissata per le ore 12:00 del 31 maggio 2024.