Taranto: spaccio droga, telecomandi e ‘pali’ per aprire saracinesca locali, due arresti

89 Visite

Gli acquirenti di droga in attesa venivano invitati da un ‘palo’, uno alla volta, ad accedere all’interno di un locale, grazie all’apertura di una saracinesca, azionata dal primo piano, tramite un comando a distanza e solo dopo aver ricevuto un feedback positivo dall’uomo in strada, che si sarebbe occupato, anche, di verificare se i clienti fossero in possesso del denaro in contanti. Una volta entrati, gli assuntori venivano costretti ad aspettare l’apertura di una ulteriore porta automatica, per poi giungere, infine, al cospetto dei presunti spacciatori, che, a loro volta, ricevuta la somma richiesta, procedevano alla consegna dello stupefacente attraverso una possente grata in ferro. E’ il meccanismo ingegnoso ricostruito dai carabinieri della Carabinieri di Taranto con il quale veniva smerciata la droga. I militari, grazie ad una operazione di servizio, portata a termine con personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Puglia e con l’ausilio di un’unità cinofila del Nucleo di Modugno, hanno arrestato, in flagranza di reato, un 54enne ed un 33enne, residenti nel quartiere Paolo VI, presunti responsabili di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Ora si trovano in carcere. Anche la persona che faceva da palo e che aspettava i clienti per strada era dotata di un telecomando con il quale, come poi di fatto realmente accaduto all’arrivo dei militari dell’Arma ieri sera, avvertiva con un segnale acustico gli “addetti alla vendita”, presenti al primo piano dello stabile. I militari hanno ricostruito questo meccanismo mediante diversi servizi di osservazione. Gli indagati, poi, avrebbero posto, sul tetto, due cani di grossa taglia, allo scopo di impedire alle forze dell’ordine di poter penetrare dall’alto e fare irruzione. All’interno dei locali, i militari dell’Arma, grazie ad una perquisizione, hanno rinvenuto circa 300 grammi di hashish, di cui parte era già stata suddivisa in dosi, nonché materiale per pesare la droga e confezionarla. Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati 90 chilogrammi di artifizi pirotecnici.

Il materiale sequestrato è stato affidato agli artificieri del Nucleo Investigativo di Taranto. I due animali sono stati rifocillati con cibo e acqua, per poi essere affidati alle cure del personale del servizio veterinario dell’Asl.

News dal Network

Promo