I vertici europei dell’aerospazio al Mam di Grottaglie

88 Visite

Con 115 relatori, 15 dimostrazioni di volo e i vertici europei dell’aerospazio, parte domani la seconda edizione del Mediterranean Aerospace Matching (Mam), evento internazionale in calendario dal 20 al 22 marzo 2024 all’aeroporto Marcello Arlotta di Taranto-Grottaglie. A promuoverlo la Regione Puglia e l’Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) con l’organizzazione di AdP (Aeroporti di Puglia), Dta scarl (Distretto Tecnologico Aerospaziale) e Criptaliae Spaceport, e la collaborazione di Puglia Sviluppo e Arti Puglia. Nel corso dei lavori, si riuniranno nell’aeroporto di Grottaglie rappresentanti istituzionali, esperti, key player dell’industria spaziale nazionale ed internazionale, start-up, docenti universitari e ricercatori per confrontarsi sull’evoluzione del settore aerospaziale.

L’evento sarà inaugurato alle ore 9.30 di mercoledì 20 marzo con i saluti istituzionali del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, del presidente di Adp Antonio Maria Vasile, del presidente del Dta Giuseppe Acierno e del vice direttore generale di Enac Fabio Nicolai.

Nella prima giornata si discuterà dell’evoluzione delle operazioni aeree e della mobilità aerea innovativa: politiche, tecnologie e opportunità e sarà valorizzata l’attività di test bed con i droni dell’aeroporto di Grottaglie. Nella seconda, sarà analizzata l’evoluzione del mercato aerospaziale, il ruolo della finanza, degli investimenti, della ricerca e innovazione e delle tecnologie emergenti. Nella terza si discuterà delle prospettive dello spazioporto di Grottaglie, riconosciuto come unico spazioporto italiano e delle iniziative per renderlo operativo.

Sono previsti 115 interventi di relatori in rappresentanza di istituzioni, agenzie spaziale (Asi, Esa, Eurocontrol. Easa) grandi aziende (Boeing Italia, Airbus Italia, Leonardo, Avio Aero) e piccole e medie aziende del settore aerospaziale. Rispetto alla prima edizione del Mam, svoltasi a Grottaglie nel 2021, è prevista la presenza di rappresentanti dell’Esercito, della Marina militare, dell’Aeronautica militare, dei Carabinieri e della Polizia di Stato e saranno approfondite le sinergie di sviluppo nell’utilizzo dei droni tra il mondo civile e mondo militare.

Nella sessione pomeridiana del 22 marzo, a partire dalle ore 14.30, le nuove sfide scientifiche e tecnologiche, le evoluzioni dei player di settore, le trasformazioni del business dello spazio saranno raccontate da Space Trends powered by Wired. Un vero e proprio palinsesto nel palinsesto del Mam, concepito e realizzato dalla testata del gruppo Conde’ Nast. Con sei panel e ospiti di eccezione, Space Trends powered by Wired approfondirà i temi più caldi sul fronte spazio e space economy, portando il punto di vista dei leader del settore industriale e il solido know how degli esperti delle agenzie spaziali per capire cosa succederà nei prossimi anni. Tra i protagonisti di Space Trends powered by Wired, Jim Bridenstine, già direttore Nasa (2018-2021); Roberto Vittori, ufficiale dell’Aeronautica Militare Italiana e astronauta di ESA; Anna Hazlett, founder & principal, AzurX; Chiara Pertosa, ceo Sitael; Fabio Caramelli, space rider system payload an exploitation manager European Space Agency-Esa;  Raphaël Chevrier, head of communications, MaiaSpace ; Simona Turco, head of business development, Deep Blue.; Simona Turco, head of business development, Deep Blue.

Nell’ambito del Mam, il 20 e 21 marzo, il Distretto Tecnologico Aerospaziale ha organizzato la quarta edizione di Drones Beyond (Db24), due giorni di innovative attività in cui diversi droni opereranno in uno scenario futuristico. Sono previste 15 dimostrazioni di volo (11 dal vivo, 4 registrate) che riguarderanno operazioni di protezione civile (controllo e monitoraggio del territorio, inquinamento ambientale, trasporto farmaci, agricoltura di precisione) e di difesa, queste ultime gestite dalle forze armate. Nell’area dell’aeroporto di Grottaglie, su una zona ampia 35 ettari, sarà allestito un modello di vertiporto con un centro di coordinamento e controllo per permettere il volo simultaneo di droni civili e militari. Si tratterà di un esperimento di livello europeo.

News dal Network

Promo