Juve Stabia-Taranto, si gioca a porte chiuse: per il presidente della squadra campana si parla di “ingiustizia”

81 Visite

La scelta arriva dal prefetto di Napoli e la Lega Pro non ha fatto altro che prendere atto di questa decisione: Juve Stabia-Taranto andrà in scena a porte chiuse. La società della squadra campana ha subito risposto in maniera dura alla presa di posizione, sottolineando la rabbia e la frustrazione per un torto ingiustamente subito. In prima linea il presidente Andrea Langella che ha commentato così la situazione: 

«Come Presidente della Juve Stabia non posso che condannare tutti gli atti di violenza avvenuti o che potranno avvenire al di fuori dello Stadio. Il mio augurio è che lo Sport vinca sempre nel segno dei suoi valori sportivi. Posso sottolineare che nel nostro stadio non sono mai avvenuti disordini o comportamenti anomali e devo ringraziare i nostri tifosi per il loro comportamento esemplare che ci inorgoglisce.

Come Presidenza della Juve Stabia noi confidiamo da sempre nelle forze dell’ordine e nel loro operato mettendoci a disposizione del Questore e del Prefetto sempre. Debbo comunque stigmatizzare tutti gli atti di violenza e difendere con tutte le forze l’impegno profuso da sempre dalla Società, dalla Squadra e dai tifosi per raggiungere il nostro ambito traguardo e riteniamo di non poter mai essere danneggiati per il comportamento incivile al di fuori del nostro stadio da teppisti che minano l’ordine pubblico».



Foto: Stabia News

News dal Network

Promo