Pisani, “memoria del sacrificio esempio per giovani agenti”

58 Visite

«Il rischio che si corre è quello di entrare nell’ordinarietà di determinati comportamenti nel nostro lavoro quotidiano e quindi di tralasciare il sacrificio che è stato fatto dai nostri colleghi negli anni e che avviene purtroppo ancora oggi», Lo ha detto il capo della polizia Vittorio Pisani, che ha partecipato questa mattina alla cerimonia di intitolazione della sala conferenze della questura di Taranto alla memoria del brigadiere del disciolto corpo delle guardie di pubblica sicurezza, Domenico Pellegrino, medaglia d’oro al valor civile.

Pellegrino, che all’epoca prestava servizio nella squadra mobile di Taranto, morì il 9 febbraio del 1968 dopo essere stato ferito da un colpo d’arma da fuoco durante un’attività di polizia giudiziaria.

Presenti alla cerimonia il questore Massimo Gambino, il prefetto Paola Dessì, il sindaco Rinaldo Melucci, l’arcivescovo Ciro Miniero e i quattro figli dell’ex brigadiere: Pasquale, Carmine, Ettore e Marcello Pellegrino.

    Il prefetto Pisani ha ringraziato i familiari del brigadiere Pellegrino per aver donato alla polizia di Stato l’uniforme del proprio caro e ha sottolineato “il duplice significato di cerimonie” come quella di oggi “che ravvivano – ha affermato – lo spirito di servizio e, attraverso la memoria del sacrificio, sono di esempio per i giovani agenti e di stimolo a fare sempre di più”.

    Il capo della polizia ha infine evidenziato “il valore dell’esempio per le nuove generazioni di poliziotti specie in un momento storico di crisi dei valori”.

    «Questo – ha sottolineato Pasquale Pellegrino, uno dei figli del brigadiere ucciso nel 1968, riferendosi all’intitolazione della sala conferenza al genitore – è un dono che noi non dimenticheremo mai, è stata una concessione veramente speciale.

    Noi siamo grati al massimo a tutte le autorità presenti, che hanno dimostrato tanta sensibilità». (ansa)