Carceri: Sindacato Polizia penitenziaria, 20 suicidi da inizio anno, uno ogni 54 ore

82 Visite

«Un suicidio in carcere ogni 54 ore, per 20 in totale in 45 giorni, con un’età media di 40,8 anni, dieci detenuti italiani e dieci stranieri, con le carceri della Campania a maggiore rischio (4 suicidi di cui 3 a Poggioreale): sono i dati più significativi che certificano la peggiore emergenza di tutti i tempi per il nostro sistema penitenziario alla quale ministero alla Giustizia, Amministrazione penitenziaria, Parlamento e politica non sono in grado di dare risposte”. Così Aldo Di Giacomo, segretario generale del Sindacato Polizia penitenziaria, che fornisce altri dati: subito dopo la Campania è il Veneto con 3 suicidi (di cui 2 a Verona); a seguire 2 suicidi nel Lazio, Liguria, Puglia e Marche dove bisogna aggiungere altri due morti (uno per malattia e un altro per cause da accertare).

“Tenuto conto che dal ministero alla Giustizia si continua a ripetere che ‘bisogna studiare’ il provvedimento anche se, finalmente, si è superata la convinzione originaria del ministro Nordio della ‘inevitabilità’ dei suicidi, che risale ad appena un mese fa, considerata una ‘problematica irrisolvibile’, il sindacato di polizia penitenziaria – aggiunge Di Giacomo- responsabilmente, si candida a superare i limiti manifestati sulla conoscenza di quella che è un’autentica strage. Per noi la prevenzione più efficace è aprire sportelli di aiuto psicologico in ogni carcere con un numero adeguato di psicologi e psichiatri. La media nazionale delle ore di presenza settimanale di psichiatri ogni 100 detenuti è di 8,9, quella degli psicologi di 13,5. Significa che, virtualmente – spiega – lo psichiatra dedica al singolo detenuto meno di 5 minuti alla settimana, mentre lo psicologo intorno agli 8 minuti settimanali”.

“Non si può ‘giocare’ con le vite umane dei detenuti e del personale penitenziario che continua ad essere oggetto di aggressioni e violenze- 1800 casi nel 2023 – con una situazione che è sfuggita completamente al controllo dello Stato. Uno Stato che non garantisce la vita delle persone che ha in custodia e quella dei suoi servitori non si può considerare uno Stato civile», conclude Di Giacomo.

News dal Network

Promo