Mazzarano e Di Gregorio: “Melucci come novello Masaniello sulla sanità non è credibile”

74 Visite

Nota dei consiglieri Enzo Di gregiorio e Michele Mazzarano (Pd):

«Che il sindaco Melucci non sapesse dov’è di casa la coerenza è un fatto risaputo, ma che fosse anche in grado di sposare gli argomenti della destra per motivi strumentali e dare un senso alla sua avversione contro la Regione Puglia e contro il Presidente Emiliano, francamente non lo immaginavamo.

La scarsa attitudine a capire il sentire popolare porta il sindaco di Taranto a non comprendere che cambiare repentinamente le sue posizioni politiche e ora anche il suo giudizio sulle grandi questioni che riguardano la nostra comunità, come gli investimenti nella sanità jonica, lo rende amministratore privo di affidabilità e credibilità.

Oggi Melucci per fare dispetto ad Emiliano si inventa fustigatore in materia di sanità dimenticando che avendo lui stesso il ruolo di Presidente della conferenza dei sindaci, organo riconosciuto per orientare le scelte delle Aziende Sanitarie Locali, avrebbe potuto in questi anni far giungere alle istituzioni sanitarie il disappunto che oggi ostenta con gravità.
Oggi Melucci scende allo stesso livello di quelli che lui qualche settimana fa demonizzava come i  “i soliti detrattori all’oscuro di procedure e problemi reali”.

Ci dispiace rammentare a Melucci che a Taranto si sta realizzando il più grande investimento in edilizia ospedaliera del Mezzogiorno, circa 350 milioni complessivi di investimenti in grado di colmare tutte le gravi carenze nell’assistenza clinica e diagnostica e negli standard alberghieri di cui è storicamente caratterizzata la sanità della provincia di Taranto che abbiamo ereditato da Fitto e dai governi regionali di centro destra.

Ci dispiace dover ricordare al sindaco di Taranto quanto la Regione si sia spesa per attivare la facoltà di Medicina e il Dipartimento biomedico con l’investimento pluriennale di 52milioni di Euro.

Ci dispiace dover ricordare a Melucci che, pur tra tante difficoltà, il nostro sistema sanitario ha vissuto grandi investimenti in tecnologie e che ha visto la realizzazione di piani integrati della medicina del
territorio, culminata con l’utilizzo celere ed efficace delle risorse del PNRR per realizzare 17 Ospedali di Comunità nella nostra provincia  e 6 Case della
comunità per un totale di oltre 150 milioni di € di opere già cantierizzate che allevieranno l’afflusso negli ospedali pubblici.

Ci dispiace dover ricordare ad un sindaco smemorato, che ha deciso di vestire i panni di “novello Masaniello” del malcontento popolare sulle liste d’attesa, che i ritardi e i problemi che lui erroneamente attribuisce alla Regione riguardano invece la cronica carenza di personale medico e gli squilibri nell’attribuzione delle risorse nel Fondo di riparto nazionale.

Ci dispiace dover ancora ricordare a Melucci che proviamo quotidianamente a sopperire alla mancanza di medici, cosa che avviene in tutt’Italia, dovuta al numero chiuso, deciso a livello centrale, con la continua ricerca di personale convenzionato tra i medici in quiescenza e gli specializzandi oltre che alla continua e costante indizione di pubblici concorsi per personale sanitario,  al fine di garantire il massimo delle prestazioni sanitarie.

È assolutamente legittimo chiedere maggiore attenzione alla Regione rispetto alle performance della sanità, non è legittimo invece vestire i panni opportunistici dell’oppositore per convenienza politica al solo fine di blandire i suoi nuovi amici nel Governo nazionale e fare a tutti i costi le pulci alla Regione e al presidente Emiliano.

Un consiglio ci sentiamo di dare a Melucci: la smetta di blaterare, raccogliendo solo pessime figure nella sua novella crociata contro Bari, pertanto si informi bene prima di esternare notizie imprecise: dalla vicenda del centro per l’impiego, a quella per l’ufficio UMA per gli agricoltori, passando per la strada di collegamento all’aeroporto di Grottaglie per finire a questa sulla sanità, la sua distorta e imbarazzante visione delle cose gli assicura costantemente solo una continua collezione di figuracce!

Ricordi infine il Sindaco Melucci, che al netto delle sue strabilianti giravolte, la città di Taranto è la città pugliese che ha avuto maggiori attenzioni e investimenti dalla Regione Puglia».

News dal Network

Promo