Consiglio regionale: ok alle modifiche della legge regionale per la ricerca e raccolta dei tartufi freschi

53 Visite

Con una proposta di legge di cui è primo firmatario il consigliere regionale Michele Picaro (FdI), è stata modificata ed integrata, con voto unanime, la legge regionale che disciplina la coltivazione, ricerca, raccolta, conservazione e commercializzazione dei tartufi freschi o conservati nel territorio della Regione Puglia.

È duplice l’obiettivo delle modifiche apportate. Il primo riguarda l’istituzione del Registro regionale delle Associazioni dei tartufai al pari dell’albo delle associazioni micologiche, al fine di riconoscere e valorizzare la funzione peculiare delle attività delle Associazioni tartufai come espressione di partecipazione e pluralismo della società civile, al contempo promuovendo il loro autonomo sviluppo e favorendo l’originale apporto al conseguimento di finalità di carattere economico e di sostenibilità ambientale per esaltarne le qualità del tartufo e potenziarne la promozione nella filiera agroalimentare.

Il secondo obiettivo, invece, riguarda l’inserimento di un esperto designato dalle associazioni iscritte nel registro regionale tra i componenti del comitato tecnico per il monitoraggio delle attività inerenti la raccolta, conservazione e commercializzazione dei tartufi.

A tal proposito, è stata stabilita la riduzione dei componenti del comitato alla pari della commissione per il rilascio del tesserino.

News dal Network

Promo