Truffa su bonus edilizi, sequestro per 4 milioni a San Pietro Vernotico

96 Visite

grido “Morselli e Mittal via da Taranto” operai, sindacati e imprenditori stanno sfilando attorno al perimetro dello stabilimento ex Ilva di Taranto per chiedere al governo di estromettere la multinazionale dalla compagine societaria di Acciaierie d’Italia e assumere il controllo dello stabilimento.

ArcelorMittal detiene il 62% delle quote, mentre lnvitalia è in minoranza con il 38%.
Tra i soci non c’è accordo sulla ricapitalizzazione e l’acquisto degli asset e diventa sempre più probabile il ricorso all’amministrazione straordinaria. La mobilitazione è organizzata dalle sigle metalmeccaniche, che denunciano il progressivo spegnimento degli impianti. I manifestanti chiedono a «Meloni di cacciare via i franco-indiani. L’amministratore delegato Lucia Morselli – sostengono – sta portando lo stabilimento alla chiusura. ArcelorMittal è pregata di andare via immediatamente».

Il corteo si snoda attorno alla fabbrica con in testa operai e sindacati che mostrano bandiere e striscioni, scandendo slogan contro la multinazionale e lanciando appelli al governo. A seguire la colonna di tir degli autotrasportatori che, al pari delle altre ditte dell’indotto, chiedono il ristoro delle fatture scadute, temendo di perdere i propri crediti con la messa in amministrazione straordinaria di Acciaierie d’Italia. (Fonte: Ansa)

News dal Network

Promo