Calcio, interrogazione Avs: ‘Supercoppa in Arabia brutta pagina per sport italiano’

83 Visite

«Vogliamo sapere dal governo se non intende avviare una interlocuzione con le autorità sportive affinché siano modificati e cancellati gli accordi sottoscritti con l’Arabia Saudita che prevedono anche per i prossimi anni lo svolgimento della finale di Supercoppa nello Stato arabo, riportando tale manifestazione sportiva interamente in Italia, dimostrando così di privilegiare il rispetto dei diritti umani agli interessi economici». È quanto chiede Alleanza Verdi Sinistra, primo firmatario Marco Grimaldi, in un’interrogazione parlamentare al governo Meloni.

«Il nostro Paese
– si legge nell’atto ispettivo – ha portato in Arabia Saudita la propria Supercoppa proprio mentre la strategia aggressiva di Ryad per diventare l’hub del calcio mondiale doveva essere fermata; anche le immagini dell’Al-Awwal Park Stadium deserto, impianto dell’Al-Nassr di Cristiano Ronaldo, durante la semifinale di Supercoppa Italiana del 18 gennaio scorso sono davvero poco gratificanti per lo sport italiano».

Nell’interrogazione si fa inoltre riferimento alle parole di Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, il quale ha ricordato come la situazione dei diritti umani in Arabia Saudita “è estremamente negativa”:

«Negli ultimi otto anni – si legge ancora – ci sono state oltre 1.250 impiccagioni, tutti i difensori dei diritti umani sono in carcere e vengono emesse condanne a decenni di carcere anche solo per aver scritto un post su una piattaforma social».

News dal Network

Promo