Aumentano i supermercati senza casse: a chi gioverà veramente il sistema cashierless?

[epvc_views]

Dopo gli importanti annunci di alcune grandi catene di supermercati, per il 2024 si prevedono altri marchi pronti a passare al “cashierless”, attraverso l’introduzione di sistemi che consentiranno ai clienti di fare acquisti automatizzati evitando file e lunghe attese per pagare.

Lanciato negli Stati Uniti da Amazon, il sistema ha visto la sua prima introduzione in Italia nel 2023 a Verona, con l’inaugurazione del punto di una cooperativa legata ad un noto marchio. L’unico che sarà liberato dalla tecnologia è il capitale, potrà finalmente fare a meno delle masse lavoratrici.

E che fine faranno i lavoratori in eccedenza? Di sicuro non se la spasseranno a spese del capitale. Presto si moltiplicheranno i disoccupati in Italia.

La questione della privacy:

La spesa “cashierless” non è però esente da criticità. Sul sistema di pagamento automatico tramite rete di telecamere e sensori incombe, infatti, la questione dei dati personali dei clienti, che vengono registrati in ogni loro movimento tramite riconoscimento facciale o del corpo. Il rispetto della privacy verrebbe garantito con l’identificazione di ogni consumatore in nient’altro che una stringa di lettere e numeri.

Inoltre, si pone inevitabilmente il problema della riduzione del personale all’interno dei supermercati: “cashierless” significa in inglese “senza cassiere”, ruolo che, una volta sparite le casse, non sarebbe più necessario.

News dal Network

Promo