Carcere, Sappe: “a Taranto è emergenza sanitaria”

80 Visite

«Nel discorso di fine anno il Presidente della Repubblica ha dedicato anche un passaggio alle carceri acchè si rispettassero i valori costituzionali quali la dignità della persona, il diritto alla salute, il reinserimento sociale. Purtroppo ancora una volta i buoni intenti fanno a pugni con la dura realtà che si sta vivendo nelle carceri a partire da Taranto, ove il diritto alla salute sembra essere calpestato sempre di più. Infatti da un po’ di tempo niente visite mediche di routine ai detenuti ma solo emergenze poiché non ci sarebbero più medici, per cui il dirigente sanitario che è rimasto solo, sarebbe costretto a fare di tutto e di più».

È quanto denuncia, in una nota stampa, Federico Pilagatti Segretario regionale Sappe. Eppure il sindacato autonomo polizia penitenziaria, scrive, «da tempo denuncia una situazione di grande affanno per non dire peggio nell’assistenza sanitaria ai detenuti presenti nel carcere di Taranto, con i detenuti psichiatrici abbandonati a se stessi, malati cronici con carenza di assistenza che, generano situazioni di protesta da parte dei ristretti che diventano sempre più preoccupanti. Abbiamo notizia che nei giorni scorsi il carcere, per alcune ore, è rimasto senza nessun medico poiché il dirigente sanitario era impegnato in una riunione all’Asl, mentre i poliziotti dovevano far fronte alle pressanti lamentele dei detenuti che chiedevano di essere visitati da un sanitario”. “A questo punto ci chiediamo cosa deve accadere ancora acchè l’Asl adotti provvedimenti urgenti adeguati a tamponare la situazione? Non sanno i dirigenti che comandano la sanità tarantina che presto potrebbero scoppiare disordini con i detenuti che potrebbero mettere a ferro e fuoco il carcere se l’emergenza persiste? Non sa il Dirigente generale dell’Asl che l’interruzione del servizio di assistenza ai detenuti è punito da leggi dello Stato?”, le domande che pone Pilagatti.
“Purtroppo – ancora la nota del Segretario regionale Sappe- questi signori non hanno ancora capito che ci troviamo di fronte a 900 detenuti (sovraffollamento di più dell’80% della capienza regolamentare) di cui tantissimi affetti da patologie importanti tra cui psichiatrici, tossicodipendenti, patologie croniche, cardiache ecc.ecc. Ci si è mai chiesto come mai nel 2023 ci sono stati parecchi detenuti defunti per ‘cause naturali’? Sicuramente la mancanza di medici è un problema generale, ma riteniamo inaccettabile che l’Asl di Taranto non metta in campo iniziative straordinarie per tamponare il fenomeno”.

Peraltro, annuncia Pilagatti, “ci è stato riferito che in alcuni casi l’Asl recluterebbe medici senza esperienza pagandoli 80/100 euro l’ora, mentre ci sarebbero altri medici che verrebbero impiegati in misura molto ridotta nonostante una grande esperienza in medicina penitenziaria (maturata in tanto anni di lavoro presso la struttura carceraria) che verrebbero pagati circa 25 euro l’ora. Inoltre sembrerebbe che i medici utilizzati solo per i turni notturni sarebbero disposti anche a lavorare di più delle 20 ore concesse, senza che l’Asl nonostante l’emergenza, dia risposte”. Il Sappe, conclude il Segretario, “si augura che l’Asl abbia delle spiegazioni adeguate per giustificare ciò, poiché quello che sta accadendo è di una gravità inaudita, proprio per questo chiediamo l’intervento del Prefetto di Taranto poiché la situazione ogni giorno che passa diventa sempre più incandescente all’interno del carcere, per cui è necessario che ognuno per la propria parte di competenza si assuma le proprie responsabilità, al fine di evitare situazioni pericolose che potrebbero creare seri problemi non solo all’interno del penitenziario, ma a tutto il territorio».

News dal Network

Promo