Avatar paziente migliora cura parkinson, il software è di Cle

231 Visite

 Si chiama Resettami parkylon il nuovo software sviluppato dall’azienda Cle in collaborazione con il Politecnico di Bari e la fondazione Michael J. Fox: è un avatar, un “gemello virtuale” del paziente, che consente di migliorare la cura del parkinson attraverso un costante monitoraggio. Il software è tato presentato questo pomeriggio a Bari in occasione dell’inaugurazione del nuovo sito produttivo Cle hub It.

Il taglio del nastro è avvenuto alla presenza, fra gli altri, del viceministro della Giustizia, Francesco Paolo Sisto; dell’assessore alla Sanità della Regione Puglia, Rocco Palese; e della ceo di Cle, Mariarosaria Scherillo.

Il software sviluppato dall’azienda barese fornisce suggerimenti di intervento e miglioramento della terapia del parkinson in maniera tempestiva e dettagliata, grazie alla potenza combinata di intelligenza artificiale e realtà aumentata con avatar 3D. Attraverso l’uso di colori differenziati per livello di avanzamento e gravità della malattia, il software offre un quadro completo e di supporto alle decisioni cliniche del medico, accrescendo l’appropriatezza e l’efficienza delle cure e agevolando il lavoro degli operatori sanitari.

Cle ha anche inaugurato il suo nuovo hub, che si inserisce nel progetto Pia- piccole imprese (technology for integrated care pathways), realizzato grazie al cofinanziamento del fondo europeo di sviluppo regionale Por Puglia 2014-2020.

«Prevediamo importanti ricadute occupazionali – ha detto Scherillo -. Alle 15 unità già inserite in azienda che si sommano alle risorse già presenti, il nostro piano di assunzioni prevede ulteriori 25 persone entro fine 2024, scaricando valore sul territorio e favorendo il rientro dei cervelli».

News dal Network

Promo