La biblioteca del libro accessibile arriva in Regione e nelle carceri

221 Visite

Al via una settimana di incontri dedicati alla lettura per tutti, anche con i detenuti. E nel carcere di Turi arrivano le favole di Antonio Gramsci in simboli.

Arriva a Bari la Biblioteca Itinerante del libro accessibile di edizioni la meridiana: un allestimento itinerante di raccolta di libri in Braille, audiolibri, libri in LIS, libri nella Lingua Italiana dei Segni, Silent book e libri in CAA, che sarà ospite dello spazio Agorà del Consiglio Regionale della Puglia, in via Giovanni Gentile, 52, fino al 26 maggio, promosso dal “Garante dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza” e dal “Garante regionale dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà” della Regione Puglia. Attorno ai “libri alla pari” – e cioè pensati per assicurare il diritto alla lettura anche alle persone con disabilità sensoriali, cognitive o con difficoltà dell’apprendimento o linguistiche – una settimana di incontri.

Si parte lunedì prossimo 22 maggio (ore 10, spazio Agorà), con i saluti istituzionali di Ludovico Abbaticchio, Garante dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Puglia; Piero Rossi, Garante regionale dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà; Loredana Capone, Presidente del Consiglio Regionale della Puglia e Claudio Imprudente, presidente Centro Documentazione Handicap. Dopo gli interventi di Elvira Zaccagnino, direttrice di edizioni la meridiana, e di Anna Maria Ricciotti, presidente della Cooperativa Sociale Zorba, gli studenti delle scuole invitate potranno visitare la biblioteca itinerante con una guida.

Mercoledì 24 maggio, alle ore 16, nella Sala Consiliare della Regione Puglia, gli utenti della Lega del Filo d’Oro racconteranno, attraverso le loro storie, come non esista alcun limite alla possibilità di leggere e scrivere. Ad animare il dibattito dal titolo “Leggere, scrivere e comunicare senza vedere con gli occhi”, insieme ai componenti della Commissione Cultura della Regione Puglia, saranno Grazia Di Bari, Consigliera Regionale con delega alla Cultura; Ludovico Abbaticchio, Garante dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza e Piero Rossi, Garante regionale dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà. L’incontro è aperto alle classi seconde e terze della scuola secondaria di primo grado.

Giovedì 25 maggio, alle ore 10, presso la Sala Consiliare della Regione, la Cooperativa Sociale Zip.h di Bitonto si presenta spiegando in che modo, attraverso gli interventi socio-educativi e socio-sanitari, è possibile integrare e prefigurare percorsi di autonomia per le persone con disabilita intellettiva mentale, fisica e psico-fisica. L’incontro è aperto alle classi di scuola secondaria di secondo grado. Partecipano al dibattito i componenti della Commissione Welfare della Regione Puglia; Rosa Barone, Assessora Regionale al Welfare; Ludovico Abbaticchio, Garante dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Puglia; Piero Rossi, Garante regionale dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà.

A chiudere la settimana due incontri speciali in carcere, dedicati ai detenuti.

Giovedì 25 maggio, alle ore 15,30 all’Istituto penale per minorenni di Bari “N. Fornelli”, edizioni la meridiana presenta il libro in simboli della Comunicazione Aumentativa Alternativa (C.A.A.) “A Said piaceva il mare” di Roberto Parmeggiani, INBook accessibile anche ai giovani con disabilità linguistiche o cognitive che fa parte della collana Parimenti. Proprio perché cresco. Nel corso della presentazione, rivolta ai minori detenuti, interverranno, oltre all’autore Roberto Parmeggiani e la direttrice della casa editrice Elvira Zaccagnino, anche Piero Rossi, Garante regionale dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà della Regione Puglia.

Venerdì 26 maggio, alle ore 9.30, nella Casa di Reclusione di Turi, sarà presentato ai detenuti il libro in simboli della C.A.A. “L’albero del riccio” di Antonio Gramsci, intellettuale comunista, numero di matricola 7047, che proprio a Turi passò parte della sua reclusione fino al 1933. Interverranno, insieme allo scrittore Roberto Parmeggiani e la direttrice di edizioni la meridiana Elvira Zaccagnino, il Garante regionale dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà della Regione Puglia Piero Rossi, Valentina Meo Evoli, direttrice Casa di Reclusione di Turi e Martina Gerosa, accessibility manager.

News dal Network

Promo