In V Commissione della Regione prosegue l’esame delle modifiche alla disciplina sui canoni di locazione alloggi ERP

[epvc_views]

Dopo l’approvazione nella seduta precedente della V Commissione, presieduta da Paolo Campo, dell’articolo di modifica della legge regionale 10/2014 “Nuova disciplina per l’assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica”, nella seduta odierna è stato avviato l’esame delle numerose proposte emendative, che vanno a modificate l’assetto normativo vigente in materia di locazione degli alloggi ERP.   

Nello specifico, con la modifica già approvata si è aggiunto che in caso di condanna, anche non definitiva, o di applicazione della pena su richiesta delle parti ai sensi dell’articolo 444 del codice di procedura penale per i reati, consumati o tentati, di cui agli articoli 387 bis, 558-bis, 564, 572, 575, 578, 582, 583, 583-quinquies, 584, 605, 609-bis, 609-ter, 609-quinquies, 609-sexies e 609-octies, 612 ter del codice penale, commessi all’interno della famiglia o del nucleo familiare o tra persone legate, attualmente o in passato, da un vincolo di matrimonio, da unione civile o da una relazione affettiva, indipendentemente dal fatto della coabitazione, anche in passato, con la vittima, il condannato assegnatario di un alloggio di edilizia residenziale pubblica decade dalla relativa assegnazione. In tal caso le altre persone conviventi non perdono il diritto di abitazione e subentrano nella titolarità del contratto. Il subentro opera altresì qualora l’assegnatario sia destinatario del provvedimento di allontanamento dalla casa familiare di cui all’articolo 282-bis del codice di procedura penale.

Gli emendamenti approvati, durante i lavori odierni, costituiscono articoli aggiunti alla proposta di legge che si componeva di un solo articolo e vanno a modificare altri articoli della legge madre, prevedendo che fra i requisiti, i fruitori devono avere un valore ISEE ordinario fissato da delibera di Giunta regionale; che non abbiano subito condanne penali definitive per reati di criminalità organizzata con vincolo associativo. Altre modifiche approvate intervengono anche sul procedimento per l’assegnazione tramite bando pubblico, sui punteggi da attribuire, sull’accertamento del reddito, sulla facoltà dei comuni di pubblicare bandi integrativi, sulla verifica dei requisiti prima dell’assegnazione, sulla disponibilità degli alloggi da assegnare, sui tempi per la scelta e consegna degli alloggi, sul subentro nel contratto di locazione e domanda di assegnazione. 

I lavori della Commissione sul punto sono stati aggiornati alla prossima seduta, con il prosieguo dell’esame degli emendamenti rimasti.  

Nel corso dei lavori della Commissione, si sono svolte anche le audizioni sulla proposta di legge “Disposizioni per la qualificazione e la valorizzazione del sistema del verde urbano”, di cui è primo firmatario il consigliere regionale Cristian Casili. Nel merito si sono espressi il presidente della federazione degli Ordini dei dottori agronomi e forestali della Puglia ed il rappresentante dell’ordine degli agronomi di Lecce, i quali hanno espresso apprezzamento per la volontà di intervenire con una norma al fine di favorire la valorizzazione e la qualificazione del verde urbano, prevedendo misure e linee guida da recepire nella pianificazione comunale, quale livello territoriale più adeguato alla predisposizione degli strumenti attuativi per favorire l’incremento delle aree verdi.

L’esame dell’articolato di questa proposta è stato rinviato alla prossima seduta, così come è stata rinviata anche l’altra proposta di legge a firma del consigliere Casili contenente le disposizioni per la riduzione del consumo di suolo.

News dal Network

Promo