Trapianti: 2022 anno record per la Puglia, 135 interventi

50 Visite

 In Puglia, nel 2022, sono stati eseguiti 135 trapianti di organo, il nuovo record regionale. Si tratta del dato più alto dall’istituzione del Centro regionale trapianti nel 1992. Nel 2021 erano stati 123. I dati dell’ultimo anno sono stati presentati questa mattina nel corso di una conferenza stampa in cui sono intervenuti il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano; il direttore generale del Policlinico di Bari, Giovanni Migliore; il coordinatore del Centro Regionale Trapianti professore Loreto Gesualdo.

In particolare sono stati eseguiti 25 trapianti di cuore, anche qui record assoluto in Puglia, e dato che consente al Policlinico di Bari di essere il secondo centro in Italia per numero di trapianti di cuore eseguiti nell’ultimo anno, dietro solo all’ospedale Sant’Orsola di Bologna. I trapianti di rene sono stati 80, dato più alto degli ultimi anni, 50 trapianti di rene singolo, 10 di rene doppio e 20 trapianti di rene da vivente, grazie anche al programma trapianto di rene AB0-incompatibile. Mentre 30 sono stati i trapianti di fegato eseguiti.

«È un grandissimo risultato del Policlinico di Bari e di tutta la Regione Puglia. L’attività trapiantologica – ha spiegato Migliore – è altamente specialistica, richiede un impegno multidisciplinare e collettivo che pochi centri possono assicurare».

«Io sono solo – ha affermato Gesualdo – il portavoce di un grande team, un team di grandi professionisti, operatori sanitari che si sono messi a disposizione delle persone in attesa di un trapianto». In Puglia la lista d’attesa è di 450 pazienti, nel 2022 i donatori pugliesi sono stati 52, con un indice di 13,8 donatori effettivi per milione di popolazione, nel 2019 in pre pandemia erano stati 40 con un indice di 9,8 per milione di abitanti.

Promo