Presidente Corecom Puglia replica al Presidente del “La Puglia domani” su evento di presentazione volume su Storia delle radio e televisioni in Puglia

79 Visite

«Prendiamo atto di una nota del capogruppo de “La Puglia Domani”, Paolo Pagliaro, inviata domenica 27 novembre, “in relazione agli inviti” per la presentazione del volume “Storia delle radio e televisioni in Puglia – 1970/2022”. Rispetto a quanto evidenziato in tale nota, si comunica che tutte le radio e tv locali pugliesi sono state invitate a partecipare all’evento, in data 22 novembre c.a-  e precedentemente sollecitate alla collaborazione, con richiesta di  materiale fotografico relativo agli anni ’70 e ’80,  in data 10 novembre u.s. Entrambe le comunicazioni sono state  inviate  a mezzo pec-» – dichiara in una nota la Presidente del Corecom Puglia, Lorena Sacino, che a nome del Comitato.

«Se, invece, la nota dovesse far riferimento al criterio di scelta dei relatori invitati, si fa presente che attualmente esistono in Puglia 35 tv locali e un’ottantina di radio. Ciascuna legittimamente interessata a raccontare la propria esperienza. Il criterio, dunque, che ha ispirato il Corecom è stato quello storico degli esordi – trattandosi di una pubblicazione di carattere soprattutto storiografico. Sono state, pertanto, previste testimonianze di quella straordinaria stagione comprendente il decennio che va dal 1970 al 1980. Quanto al criterio della territorialità, questo appare ampiamente salvaguardato. Tutte le province sono, infatti, state rappresentate: per il Salento, Telelecce Barbano; per Brindisi, Tele Brindisi Centrale- TRBC; per Foggia, TeleradioErre; per Taranto, TvTaranto e Tele Martina (giacchè si contende il primato d’inizio con Telebari); per Bari, appunto Telebari (la prima tv di Puglia) e Telenorba (la più importante tv del Mezzogiorno che ancora sopravvive), e per la Bat, Teleregione e Telesveva».

«Pur tuttavia, al fine di consentire a ciascun territorio una più ampia narrazione delle proprie specificità, il Corecom ha già espresso nell’ultima seduta di Comitato del 21 novembre u.s., di rendere l’evento itinerante in ciascuna delle altre province che saranno interessate alla divulgazione del libro».

Promo