Emiliano e Decaro ricordano Croce: “contribuì a democrazia”

56 Visite

Nella giornata di ieri, a Bari, in via Sparano davanti alla libreria Laterza, è stato celebrato il 70esimo anniversario dalla morte di Benedetto Croce, alla presenza del governatore pugliese Michele Emiliano e del sindaco di Bari e presidente Anci, Antonio Decaro.

«La Regione Puglia – ha detto Emiliano – ha voluto fortemente celebrare proprio qui in via Sparano a Bari, dove sorge la Libreria Laterza, il settantesimo anniversario dalla morte di Benedetto Croce. Un filosofo che in tempi difficili, sulla base di una convinzione che partiva da uno dei suoi grandi maestri Giambattista Vico che la storia fosse una maestra di vita, scrisse pagine straordinarie dal punto di vista filosofico, storico e anche politico, nonostante il suo spirito libero l”avesse portato a guardare negli occhi le novità che man mano emergevano nella storia italiana. Benedetto Croce diventa il punto di riferimento non marxista, non comunista, non socialista, non basato sul materialismo storico, dell”antifascismo liberale italiano».

«La Regione Puglia – ha proseguito – insieme al Comune di Bari, alla famiglia Laterza, all”Osservatorio per l”Antifascismo, all”Anpi, è qui per celebrare questa personalità che ha contribuito, in momenti così complessi e insieme a una schiera di grandi intellettuali, a costruire l”Italia repubblicana e democratica».

Benedetto Croce, ha aggiunto Decaro, è stato «uno dei più grandi intellettuali del ”900 e con lui un pezzo della storia antifascista della nostra città. Il suo legame con Bari e con la casa editrice Laterza per decenni punto di riferimento importante per la militanza culturale antifascista di tutta Italia è testimoniato oltre che dalle tante sue opere edite proprio da Laterza anche dalla sua partecipazione al congresso nazionale di liberazione che si svolse nel nostro teatro Piccinni a fine gennaio del 1944 dove ebbe impulso il percorso per la costituente e la nascita della Repubblica italiana».

Promo