Non sarà il Colonnello Calcagni, il garante dei diritti dei disabili: il rammarico del consigliere Pagliaro

71 Visite

Nota del consigliere regionale Paolo Pagliaro, capogruppo La Puglia Domani

«Finalmente c’è una terna di nomi candidati a ricoprire il ruolo di garante regionale dei diritti delle persone con disabilità, ruolo vacante da due anni e mezzo. È stata resa nota oggi in terza Commissione, dopo due rinvii consecutivi di questo punto all’ordine del giorno. In risposta al bando della Regione sono arrivate 44 candidature, tra cui (quinta in ordine di presentazione) quella del colonnello Carlo Calcagni, da noi sostenuta con convinzione. Ma il suo nome, purtroppo, non risulta fra i tre selezionati dalla Commissione, che saranno portati in Consiglio regionale per la votazione. Questo ci rammarica molto, perché è un’occasione mancata per riconoscere al colonnello, orgoglio salentino e pugliese, il suo straordinario valore come esempio di attaccamento alla vita e resilienza. Con il suo impegno ha dimostrato di sapersi mettere a disposizione delle cause dei più fragili, e di essere determinato e capace di rappresentarne le istanze e i bisogni. Perciò sarebbe stato certamente la figura giusta per dar voce e forza alle persone con disabilità. In Bosnia-Erzegovina, nel 1996, Calcagni portò a termine in sicurezza tutte le missioni di volo affidategli, e ricevette un encomio per aver dato lustro all’Esercito italiano. Ma quella missione gli è costata una malattia grave ed irreversibile, dovuta all’uranio impoverito che si è insinuato nel suo corpo. Calcagni conosce quindi sulla sua pelle la devastazione della malattia, ma non si è arreso ed è riuscito a rialzarsi dalla sofferenza. Ad agosto scorso ha persino conquistato cinque medaglie d’oro, tre nell’atletica e due nel ciclismo, ai Campionati Europei per Trapiantati e Dializzati di Oxford, confermandosi eroe di tenacia e coraggio, capace di superare ogni limite.  Senza nulla togliere ai tre candidati selezionati – Antonia Margiotta, Giuseppe Muolo e Antonio Giampietro – siamo certi che il colonnello Carlo Calcagni sarebbe stato un ottimo garante regionale delle persone con disabilità».

Promo