In Puglia crolla la raccolta del grano per siccità e costi

135 Visite

Raccolta del grano in calo del 26% in Puglia nel 2022, rispetto all”anno precedente: a segnalarlo è Coldiretti Puglia, sulla base dei dati Istat diffusi nel corso del Focus Cereali, organizzato in collaborazione con la Fiera del Levante, l”Agenzia ICE e Casillo Group. Tra le ragioni del “crollo della raccolta“, secondo l”associazione di categoria, la siccità ed i costi di produzione. Numeri in ribasso per la Puglia che è, spiegano da Coldiretti, il principale produttore italiano di grano duro, con 360.000 ettari coltivati e 10milioni di quintali prodotti in media all”anno.

«La minor produzione pesa sulle aziende cerealicole che hanno dovuto affrontare – sottolineano da Coldiretti – rincari delle spese di produzione che vanno dal +170% dei concimi al +129% per il gasolio con incrementi medi dei costi correnti del 68%» secondo elaborazione su dati del Crea. Il taglio dei raccolti in alcune aree delle province di Bari e Foggia «rischia di aumentare ulteriormente la dipendenza dall”estero per gli approvvigionamenti agroalimentari».

«Ci sono le condizioni per rispondere alla domanda dei consumatori ed investire sull”agricoltura del nostro territorio che – afferma il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia è in grado di offrire produzione di qualità realizzando rapporti di filiera virtuosi con accordi che valorizzino i primati del Made in Italy. Dobbiamo riscoprire la tradizione agricola – aggiunge – per puntare all”obiettivo della autosufficienza a tavola per difendersi dalle turbolenze provocate dal conflitto che ha scatenato corse agli accaparramenti e guerre commerciali con tensioni e nuove povertà».

Promo