Anziani e fragili i più colpiti dal caro-bollette

117 Visite

«Il caro-bollette rischia di colpire pesantemente gli anziani fragili e non autosufficienti e portare a un aumento esponenziale del costo delle rette delle strutture residenziali. Uno scenario, determinato dall”aumento dei prezzi dell”energia, che può produrre un impatto molto forte sia sul reddito di milioni di famiglie italiane che, in prospettiva, anche sulla qualità dei servizi socio-assistenziali offerti ai pazienti».

Così lo Spi-Cgil, che continua: «Si tratta quindi di una questione di estrema rilevanza per la particolare condizione di fragilità delle persone coinvolte e a cui il prossimo governo dovrà quindi rispondere con assoluta urgenza e tempestività. Allo stesso tempo occorre che Regioni e Comuni intervengano nei confronti dei gestori delle strutture assistenziali, sia pubbliche che private, per evitare immediate ripercussioni sugli ospiti».

Per lo Spi «anche questa vicenda dimostra che si rende necessaria una calendarizzazione immediata dell”approvazione della legge delega sulla non autosufficienza degli anziani, che ridisegna il nostro sistema di welfare e l”approccio complessivo all”invecchiamento della popolazione nel nostro paese».

Promo