Palombella (Uilm): per l’ex Ilva non c’è ancora una soluzione definitiva, la situazione rischia di precipitare

94 Visite

 «L’ex Ilva, dopo dieci anni, non vede ancora una soluzione definitiva a causa della mancanza di volontà dei vari Governi». Così il leader della Uilm, Rocco Palombella, dal palco del congresso del sindacato di categoria in corso a Roma, sottolineando che «anche l’affidamento alla multinazionale indiana, senza una vera volontà politica, si è dimostrato fallimentare. Dopo pochi mesi dal contratto, la multinazionale ha fatto ricorso ininterrottamente all’utilizzo della cassa integrazione senza una plausibile motivazione. Il risultato – dice – è ormai sotto gli occhi di tutti: gli impianti di Taranto, Genova e Novi sono quasi in una situazione di non ritorno, la produzione è ai minimi storici, mancano le risorse finanziarie per la gestione ordinaria degli impianti, gli investimenti ambientali e tecnologici sono ridotti al lumicino e 3mila lavoratori sono in cassa integrazione dall’inizio di marzo. A questi si aggiungono i 1.700 dell’amministrazione straordinaria in cassa integrazione da oltre 4 anni e l’indotto che è quello più colpito». I Decreti Aiuti bis e ter «hanno concesso 2 miliardi, uno per la produzione del preridotto e uno per l’aumento di capitale che vedrebbe Invitalia diventare socio di maggioranza ma “I tempi sono medio-lunghi, per questo la situazione rischia di precipitare da un momento all’altro», avverte il segretario.

Promo