Anziano in fin di vita sposa compagno, cerimonia in ospedale nel tarantino

132 Visite

Un 73enne da qualche tempo ricoverato nella struttura, e un 60enne che aveva conosciuto 32 anni prima – col quale si è ritrovato dopo molto tempo – si sono uniti presso l’hospice San Bartolomeo di Martina Franca.

Stando a quanto si apprende, il 60enne era gia’ sposato, mentre il 73enne era celibe. Neppure la distanza fisica era riuscita a placare i sentimenti portando i due ad ufficializzare l’unione civile presso il Comune di Martina Franca, alla presenza del nuovo segretario generale. La struttura si è presa cura di organizzare tutti i particolari della cerimonia, compreso il buffet.

«Ci hanno raggiunti» – sottolinea la direttrice Ausiello – «anche il vicesindaco e altri rappresentanti del Comune e si sono stupiti di questa festa ma io dico che tutti abbiamo diritto alla felicità. C’è una mentalità distorta soprattutto qui nel Meridione che tende a identificare questi hospice come luoghi dove si attende solo la morte, ma non è cosi».

«Le cure palliative» – spiega – «servono affinchè il paziente possa vivere al meglio la sua condizione e anche pensare un giorno di poter essere dimesso, pur restando la malattia grave». Questo, fa rilevare la direttrice, «è un residence alberghiero-sanitario, quindi la stanza è solo del malato, pur non pagando nulla. La sua casa si trasferisce in una struttura sanitaria dove ci sono tutte le cure e dove si possono vivere anche emozioni bellissime come quella dei due nostri amici che» – conclude – «hanno scelto di giurarsi fedelta’ e sostegno fino alla fine dei loro giorni».

Promo