Scuola, dispersione implicita: scende in Puglia e in Calabria

78 Visite

La pandemia ha reso ancora più attuale il problema della dispersione scolastica e da qualche tempo è divenuto chiaro che l’attenzione non deve essere rivolta solo a coloro che la scuola l’abbandonano, ma anche a tutti i giovani che la terminano senza avere le competenze di base necessarie. Questa forma di dispersione scolastica è stata definita dispersione scolastica implicita o nascosta.

Nel 2019 la dispersione scolastica implicita si attestava al 7,5%1, per salire al 9,8% nel 2021, molto probabilmente – si legge nel Rapporto Invalsi – a causa di lunghi periodi di sospensione delle lezioni in presenza.

Nel 2022 si osserva un’inversione di tendenza sia a livello nazionale, dove si ferma al 9,7% (-0,1 punti percentuali) sia a livello regionale. In termini comparativi, il calo maggiore della dispersione scolastica implicita si registra in Puglia (-4,3 punti percentuali) e in Calabria (-3,8 punti percentuali). Tuttavia, le differenze assolute a livello territoriale rimangano molto elevate: Campania (19,8%), Sardegna (18,7%).

«La dispersione scolastica implicita è preoccupante ma è molto interessante il miglioramento in Puglia e Calabria dove i valori sono ancora alti ma c’è stato calo interessante. Le differenze territoriali purtroppo rimangono molto forti così come l’impatto del contesto», ha commentato il presidente di Invalsi, Roberto Ricci.

Promo