Lotta al caporalato: l’impegno della Regione

72 Visite

 «La lotta e la prevenzione del caporalato può realizzarsi attraverso un piano di interventi strutturali strategici che possano nel medio lungo termine mettere in sicurezza le condizioni di vita dei lavoratori nei campi agricoli e contrastare forme di insediamenti irregolari maggiormente soggette ad infiltrazione di gruppi criminali. La Puglia è a lavoro da tempo per costruire una programmazione di interventi in grado di intercettare al meglio le risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) che destina a 12 comuni pugliesi ben 114 milioni di euro, pari a più del 50% della dotazione complessiva della Missione 5 – Inclusione e Coesione».

Se n’è parlato questa mattina, nel corso di un workshop organizzato dalla Regione Puglia, in Fiera del Levante, dal titolo “Contrasto al caporalato e superamento degli insediamenti abusivi: le risorse del PNRR”.

L’evento, programmato nell’ambito del progetto “Com.In.4.0 – Competenze per l’integrazione, finanziato dal Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014-2020” – con la Regione Puglia capofila del progetto di capacity building – è stato occasione di approfondimento e confronto tra istituzioni, sindacati, mondo del Terzo settore, associazioni di categoria e datoriali sulla programmazione regionale di utilizzo strategico dei fondi ministeriali nel contrasto agli insediamenti abusi. Per il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, «oggi, con le risorse previste dal PNRR, siamo nelle condizioni di dare maggiore concretezza e forma a un progetto di sviluppo, tutela e valorizzazione del lavoro agricolo e di difesa della dignità di migliaia di lavoratori agricoli».

Promo