Sindacato di Polizia Lisipo: “Iul scholæ” nuova priorità del Governo

77 Visite

Mentre gli italiani sono sempre più in
difficoltà a far fronte ai rincari sull’energia elettrica, sul gas e sui beni
di prima necessità; mentre oltre cinque milioni di italiani sono in povertà
assoluta, cosa fa il governo non eletto dal Popolo sovrano? Non solo è sempre
più proiettato all’invio di nuove armi all’Ucraina, (ovviamente a spese di
tutti gli italiani), si è concentrato, sullo “Ius scholae”.

Questa è la
priorità del governo italiano. A tal riguardo il Segretario Generale del Libero
Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.) Antonio de Lieto, ha dichiarato: questo
governo a giudizio del LI.SI.PO. è giunto al capolinea, in un momento di enorme
difficoltà del nostro Paese:  siccità,
crisi economica, inflazione alle stelle ecc., cosa fa Draghi e la sua squadra:
si spende per lo “Ius scholae”.

La
cittadinanza italiana non  si regala, ma
si conquista!!!
Fra l’altro – ha proseguito de Lieto – sembra che vi sia
l’intenzione di facilitare l’accesso alla cittadinanza italiana. Certamente
questo Governo, come altri che lo hanno preceduto, non è espressione di una
consultazione elettorale e puntare a raggiungere la “maggioranza”, su un
progetto di legge, come lo “Ius scholae”, che sta dividendo il Paese, è
profondamente sbagliato. Il LI.SI.PO.   –
ha  rimarcato il segretario de Lieto –
ritiene che rendere sempre più facile  il
diritto alla “cittadinanza”, è un
errore madornale. Il Governo, farebbe molto bene ad occuparsi dei milioni di
italiani  che sono senza casa e senza
lavoro.

Lo “Ius scholae”– ha concluso il leader del LI.SI.PO. – è un
provvedimento di cui non se ne ravvisa l’urgenza. Sarebbe opportuno che a trattare questo tema, fosse il prossimo
Parlamento, legittimato dal voto popolare, che potrebbe esaminare con la dovuta
calma, il provvedimento in tutti i suoi aspetti
.

Promo