Taranto, Usb: «Sciogliere riserva su proroga cassa integrazione degli operai Cemitaly»

74 Visite

Il sindacato Usb auspica che Cemitaly sciolga la riserva sulla proroga della cassa integrazione «per ulteriori 12 mesi entro il mese di luglio».

È quanto si legge in una nota del sindacato all’indomani della riunione della task force regionale in cui si è discusso dello stabilimento di Taranto.

«Alla base della titubanza dell’azienda potrebbe essere il versamento dell’irrisorio 9% dei contributi previdenziali all’Inps – spiega il sindacato – Non si può fare a meno di notare che Cemitaly-Italcementi, oggi gruppo leader tedesco mai ha smesso in Italia e a Taranto di aggiudicarsi forniture-commesse».

Per Usb «è palese che dalle bonifiche si dovrà partire» aspetto su cui c’è «l’impegno del presidente della task force Leo Caroli a formare i lavoratori Cemitaly Taranto in questa direzione in modo da produrre un immediato reinserimento nel mondo del lavoro, oltre a costituire un necessario beneficio per la collettività».  «L’eventuale rinnovo della cassa integrazione conclude Usb – non è un traguardo ma un momento di passaggio, al quale devono seguire percorsi concreti che garantiscano e creino occupazione».

Promo