Maturità. Assessore all’istruzione: avete superato il covid, siete già forti

52 Visite

«Care ragazze e cari ragazzi, ci siamo. È arrivato anche per voi il momento della maturità. Quella di domani è una prova che non deve spaventarvi, ma incoraggiarvi, farvi capire che la vita si costruisce nel tempo, che fino al nostro ultimo respiro avremo sempre qualcosa da imparare e migliorare. Voi l’avete costruita in questi cinque anni, tra studio, sorrisi, lacrime e paure, tra alti e bassi. Ricordate anche questi ultimi tre anni, anni incredibili. Voi siete stati leoni, li avete superati e se avete superato i limiti delle vostre camerette, le restrizioni della pandemia, la paura del covid, miei cari ragazzi e ragazze, siete già abbastanza forti da superare una prova scritta e una orale. Siete abbastanza forti da guardare alla vita con la vostra tenacia, con la vostra giovinezza».

È un passaggio del messaggio che l’assessore regionale all’Istruzione della Puglia, Sebastiano Leo rivolge agli studenti pugliesi alla vigilia dell’esame di maturità. «Arrivate agli esami con il rispetto verso i docenti che in questi anni hanno svolto un lavoro enorme per tenere viva la vostra attenzione dietro uno schermo, che hanno dovuto studiare nuovi metodi d’insegnamento. A loro va anche il mio ringraziamento perché accompagnano le giovani generazioni per molti anni decisivi della loro vita – prosegue – Alle vostre famiglie, che con voi vivono emozioni importanti e che oggi, forse più di voi saranno in ansia, vanno i miei auguri perché possano essere sempre certe di avervi indicato la strada giusta».

«Siete giunti alla fine di questi cinque anni e probabilmente a qualcuno di voi verrà il magone nel lasciare quei banchi, i giorni vissuti saranno sempre scolpiti nella vostra memoria, e sono certo che vi capiterà di ricordarli con nostalgia», prosegue Leo e conclude: «Voglio rivolgervi i miei auguri affinché la vostra vita vi soddisfi, vi renda uomini e donne onesti: è questo il mio migliore augurio per voi, lo auspico da padre, da uomo delle istituzioni e da docente».

Promo