Innovazione digitale, il Museo Archeologico Nazionale di Taranto a We Make Future

53 Visite

Da oggi a sabato 18 giugno, anche il Museo Archeologico Nazionale di Taranto sarà tra gli ospiti d’onore di “We Make Future”, il più grande Festival sull’Innovazione Digitale e Sociale, in programma alla Fiera di Rimini. È il secondo anno consecutivo che il MArTA nello stand istituzionale del Ministero della Cultura, propone le sue numerose iniziative di digitalizzazione del patrimonio e innovazione anche per la fruizione e promozione del Museo.

Quest’anno il MArTA, vincitore dell’edizione 2021 del Premio Gianluca Spina, sarà al Festival per presentare i suoi numerosi progetti di innovazione ma anche la partnership strategica con una delle più importanti attrazioni turistiche della Puglia, ovvero le Grotte di Castellana (BA) e i suoi oltre 100mila visitatori l’anno.

«Si tratta di un progetto di digital value sharing che mette in correlazione il MArTA e le Grotte di Castellana attraverso un esperimento comune di valorizzazione e promozione basato sull’innovazione tecnologica», dice la direttrice del Museo tarantino, Eva Degl’Innocenti.

Nello stand del Ministero della Cultura infatti sarà presentata la riproduzione in 3D del volto simbolo del MArTA (la statua policroma con diadema del periodo ellenistico) esposta in maniera permanente nelle Grotte di Castellana e realizzata dal Fab Lab – laboratorio digitale creativo del Museo, il MArTA Lab, e il tour virtuale della splendente Grotta Bianca, fruibile all’interno della Fiera di Rimini attraverso l’utilizzo di visori che riproducono la scansione 3D del sito carsico.

Nello stand Istituzionale a cura del Segretariato generale – Servizio VI, Eventi, mostre e Manifestazioni saranno presentate alcune delle migliori esperienze di utilizzo delle tecnologie digitali da parte degli Istituti del MiC, come il Parco Archeologico di Pompei, il Parco archeologico di Paestum e Velia, i Musei Reali di Torino e il MANN di Napoli.

Promo