Ex Ilva, Cobas: «Accordo discriminatorio con ditta dell’appalto»

258 Visite

L’accordo sull’orario di lavoro per i lavoratori della ditta Pellegrini dell’appalto ex Ilva firmato da alcuni sindacati «è discriminatorio e va subito ritirato perché prevede che solo a una parte minoritaria dei lavoratori part time vengono stabilizzate le 24 ore settimanali garantite nei due anni di Covid».

Lo afferma lo Slai Cobas, facendo rilevare che «tutti gli altri lavoratori tornano indietro a 20 (o meno) ore settimanali. Vengono esclusi coloro che hanno superato le 48 ore di assenza nel periodo febbraio-dicembre 2021 per periodi di malattia o quarantena per Covid quando peraltro era vietato dalla normativa uscire di casa».

Secondo i Cobas, «questo accordo colpisce soprattutto le donne. Per le lavoratrici solo la maternità obbligatoria o facoltativa non viene definita ‘assenza’, ma tutto il resto sì: problemi di salute per dover fare il doppio lavoro, in fabbrica e in casa, problemi familiari, con i figli, problemi di assistenza ai genitori. Si tratta di una vera e propria discriminazione e divisione tra i lavoratori fondata su un ‘criterio di premialità, una sorta di fedeltà – conclude il sindacato di base – all’azienda e ai criteri di produttività ed efficienza».

Promo