Una Ferrari sul ponte dell’Incrociatore Portaeromobili Giuseppe Garibaldi, un evento per i meno fortunati

144 Visite

Una Ferrari sul ponte dell’Incrociatore Portaeromobili Giuseppe Garibaldi nel giorno dopo la Festa della Repubblica. Due eccellenze italiane, il marchio del cavallino rampante e la Marina Militare, unite per un evento unico e raro a supporto dei meno fortunati. Un’opportunità davvero eccezionale quella offerta dalla Marina Militare italiana che ha messo a disposizione uno dei suoi gioielli, l’incrociatore Portaeromobili Garibaldi, di stanza al porto di Taranto.

E a portare, anzi a trasportare la Ferrari sull’incredibile pista dei top gun tricolori è stato Fabio Barone, il pilota protagonista di tanti record a bordo dei bolidi di Maranello, oltre che presidente del Ferrari Club ‘Passione Rossa’, che con una gru speciale ha fatto calare dall’alto la sua Ferrari F8 Tributo.

La stessa auto che ha recentemente battuto il record di Google sulla distanza Roma-Capo Nord. Una F8 unica al mondo, preparata da Capristo e OZ racing e pronta a sfidare il prossimo marzo il record del mondo di velocità su ghiaccio. A salire a bordo della famosa unità militare italiana oltre i soci di ‘Passione Rossa’ anche gli amici della onlus ‘Cuore Amico’ che il giorno prima hanno anche avuto il brivido di un giro a bordo dei bolidi italiani.

La carovana di Passione Rossa si è poi spostata in Calabria presso il centro commerciale Porto Degli Ulivi a Palmi per una tre giorni di sensibilizzazione all’utilizzo corretto dei posti auto riservati alle persone diversamente abili. 

«Ringrazio di cuore la Marina Militare, che da sempre supporta le associazioni benefiche che operano nel campo del sociale, per averci concesso questo grande privilegio e aver reso così speciale una due giorni dedicata all’emozioni che solo la ‘Ferrari Terapia’ può dare», ha detto il presidente Barone.

Promo