Rinnovato l’accordo di collaborazione tra Marina Militare e Università di Bari su ricerca e innovazione

136 Visite

E’ stato rinnovato ieri a bordo della portaerei Cavour, nella stazione navale Mar Grande di Taranto, l’accordo di collaborazione tra la Marina Militare e l’Università degli studi di Bari. A siglare l’intesa il capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio di squadra Enrico Credendino, e il magnifico Rettore, professor Stefano Bronzini. Durante la cerimonia l’ammiraglio Credendino ha voluto sottolineare quanto «il rapporto fra noi e l’università di Bari sia fondamentale anche in prospettiva futura. Aumenterà per la Marina Militare il coinvolgimento e l’impegno con l’Università, non solo nell’ambito della formazione, dello studio ma anche nelle nuove tecnologie e nelle discipline inerenti a tutto tondo la marittimità».

L’accordo quadro, è detto in una nota del Comando Marittimo Sud, «rinnova, per la terza volta, il rapporto di collaborazione tra la Forza Armata e l’Ateneo nel solco di una proficua e consolidata esperienza pluriennale di cooperazione in diverse aree di comune interesse e partenariati strategici nei campi della ricerca, innovazione e sperimentazione della formazione, dell’istruzione, della sanità, dell’informatica del diritto e della cultura del mare, della marittimità e della sicurezza marittima, nonché della tutela dell’ambiente marino». Per il rettore Bronzini, «la sottoscrizione dell’accordo consolida un intreccio virtuoso con la Marina Militare, ampliando il ventaglio delle attività di collaborazione su temi fondamentali per lo sviluppo e la crescita della città di Taranto». La collaborazione prevede inoltre la possibilità di organizzare, a favore della formazione degli allievi delle Scuole Sottufficiali di Taranto, workshop, seminari, lezioni a favore di studenti, dirigenti, funzionari e operatori e lectio magistralis.

Promo