In scena in Umbria lo spettacolo di Amedeo Fago intitolato: “Puglie, le ceneri di Taranto”

249 Visite

Dopo il successo riscosso nei teatri di Parigi, Roma e Milano, arriva in Umbria, nell’ambito del progetto “Teatro, memorie di ieri e di oggi”, lo spettacolo “Puglie, le ceneri di Taranto”, dell’architetto e drammaturgo Amedeo Fago

Sabato prossimo la rappresentazione sarà in scena al Teatro Manini di Narni, per poi essere replicata il 5 marzo al Teatro Spazio Fabbrica di Lugnano in Teverina e il 12 e 13 marzo al Teatro degli Occhi di Calvi dell’Umbria, sede dell’Associazione Laura e Morando Morandini, che gestisce la struttura sotto la direzione artistica dello stesso Fago.

Scritto tra il 2012 e il 2014 lo spettacolo è stato rappresentato per la prima volta a Parigi, al Theatre Gerard Philippe di Saint Denis, nel marzo 2015 con il titolo francese “Pouilles“, ed è stato ripreso lo stesso anno in Italia al Teatro Nohma di Milano e al Teatro Vascello di Roma. Poi, nel 2018, prodotto dal Teatro di Roma, al Teatro India.

Un casuale ritorno a Taranto, città d’origine della famiglia paterna, e una visita, nell’antico cimitero, alla tomba di famiglia, danno lo spunto all’autore per costruire un percorso narrativo in cui le storie private, emerse da un lungo lavoro di ricerca in archivi personali, si intrecciano con la storia d’Italia, dagli anni della sua nascita come regno sabaudo fino all’odierna crisi post-industriale.

Il progetto “Teatro, memorie di ieri e di oggi” – che ha ottenuto un importante contributo dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni – si inquadra nella più ampia iniziativa “Palcoscenici diversi per una drammaturgia del presente” (progetto artistico di Fago per l’associazione Laura e Morando Morandini), proposta al ministero della Cultura come progetto speciale della direzione spettacolo dal vivo.

Promo