Oggi studenti in piazza a Bari e Taranto per Lorenzo: “di scuola-lavoro non si può morire”

110 Visite

Oggi in oltre 20 città gli studenti manifesteranno per denunciare la morte di Lorenzo Parelli, 18enne morto mentre svolgeva scuola-lavoro in una fabbrica metalmeccanica in provincia di Udine. La manifestazione è stata organizzata da decine di collettivi studenteschi, tra cui il movimento studentesco romano ‘la lupa’, e da vari rappresentanti degli studenti in tutta Italia.

La mobilitazione vedrà la partecipazione anche del Fronte della Gioventù Comunista, della confederazione Cobas, che ha indetto uno sciopero straordinario, e il sostegno dei lavoratori Gkn, del SI Cobas e de ‘il sindacato è un’altra cosa’. Lo slogan in tutta Italia è ‘Di scuola-lavoro non si può morire’. La mobilitazione denuncia, infatti, l’alternanza scuola-lavoro e i suoi responsabili, contestando un modello che insegna agli studenti che è normale lavorare gratis, senza diritti e senza sicurezza.

Le piazze principali: Torino: ore 9:30, piazza Arbarello; Milano: ore 15:30, piazza Missori; Venezia: ore 9:00, piazza Cialdini; Udine: ore 9:00, piazza Primo Maggiore; Bologna: ore 9:30, piazza Memoriale della Shoah; Parma: ore 9:30, barriera Bixio; Firenze: ore 9:30, piazza Adua; Roma: ore 16:30, piazza Esquilino; Napoli: ore 16:00, piazza dei Martiri; Cagliari: ore 9:30, via Roma (porto, zona fontana); Cosenza: ore 9:00, piazza Loreto; Bari: ore 9:00, Ufficio Scolastico Regionale; Taranto: ore 9:00, piazza della Vittoria; Catania: ore 9:30, piazza Roma.

Promo