Enac sollecita: “Costituire consorzio per gestire spazio-porto Grottaglie”

103 Visite

Avviati i lavori per rendere concretamente operativo lo spazio-porto di Grottaglie, ‘Criptaliae Spaceport’: questo l’obiettivo del tavolo istituzionale convocato nella sede Enac a Roma, che ha visto la partecipazione dei vertici della Regione Puglia, del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, dello Stato Maggiore Aeronautica, dell’Agenzia Spaziale Italiana, dell’Enac, del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), dell’Enea, della Marina Militare e della società Aeroporti di Puglia.

I partecipanti – si legge in una nota – hanno condiviso la visione dell’Enac di aderire a un consorzio appositamente costituito per la gestione dell’infrastruttura e si sono impegnati, nel breve periodo, alla definizione delle opere da realizzare individuando anche i necessari finanziamenti per rendere operativo il progetto di Grottaglie: farsi trovare pronti, come sistema Paese, per rispondere alle importanti previsioni di crescita del settore aerospaziale e ai conseguenti risvolti in termini occupazionali ed economici.

“L’avvio del tavolo istituzionale con la nostra proposta di costituire un consorzio tra tutti gli attori principali del Grottaglie Spaceport – dichiara il presidente dell’Enac Pierluigi Di Palma identifica nel progetto denominato Criptaliae Spaceport e, piu’ in generale, nella Regione Puglia, il laboratorio ideale dell’aerospazio nazionale. Rappresenta solo la punta di un iceberg di un polo tecnologico integrato”.

“All’inizio ricordo che qualcuno mi raffigurava con la tuta di astronauta dicendo che stavo sognando. Invece abbiamo fatto bene ad insistere, perchè l’Italia e l’Unione europea credono nella realizzazione dello spazioporto di Grottaglie. Lo spazioporto è un luogo dove probabilmente si costruirà l’innovazione non solo italiana, ma internazionale, del modo di volare”, ha detto il governatore della Puglia Michele Emiliano.

Promo