Quarta dose, Pregliasco: “Insostenibile”

123 Visite

“Non dobbiamo considerare a mio avviso quarte dosi” di vaccino anti-Covid in Italia. Così all’Adnkronos Salute il virologo Fabrizio Pregliasco, docente della Statale di Milano sull’ipotesi di un ulteriore booster allo scadere dei 4 mesi dalla terza dose. “Per ora è un discorso teorico, ma io credo che non sarà fattibile. Poi dovremo attendere l’Ema cosa dice e i dati israeliani ma a mio avviso non è facilmente sostenibile dal punto di vista organizzativo, economico e dell’accettazione da parte della popolazione”.

“Anche perché – spiega il medico – non si ottiene granché, un incremento dei titoli anticorpali ma il risultato clinico, stando ai primi dati che arrivano da Israele, non è così importante. La vaccinazione a mio avviso dovrà slittare in una strategia come quella dell’influenza: un richiamo annuale il cui target saranno i soggetti fragili e i soggetti più esposti”.

“E’ vero, l’Rt si è abbassato, ma purtroppo è ancora superiore a 1 nell’ultima rilevazione e quindi c’è ancora una fase di crescita” dei contagi Covid, “ma se non altro con una riduzione della velocità della crescita”. Comunque, aggiunge Pregliasco, “la discesa è in vista. Il raggiungimento del picco o di un plateau, così come la discesa, si può giudicare solo quando effettivamente si ha l’evidenza di un calo del numero dei casi perché purtroppo – avverte l’esperto – l’assestamento di un plateau può protrarsi per un bel po’ di tempo”.

Tuttavia “penso che Omicron ci stia dando per alcuni versi una mano perché – conclude Pregliasco – la sua elevata contagiosità in qualche modo coinvolge tantissime persone e, quindi, questo faciliterà non tanto un’immunità di gregge in quanto tale, ma comunque farà sì che una gran quota di soggetti” immunizzati anche dall’infezione naturale “non saranno più suscettibili al virus, speriamo per un bel po’ di tempo”.

Promo