Agricoltura, in tempo di pandemia contadini digitali studiano orto ‘archeologico’ via zoom

138 Visite

In tempi di pandemia e di digitalizzazione, l’arte di coltivare la terra in modo sano e nel rispetto dell’ambiente si impara on line, attraverso Zoom. Protagonista di questa iniziativa è Corinna Raganato, agroecologa di Castelfranco Veneto (Treviso), agrotecnica laureata e docente di questo percorso formativo on line per orticoltori ‘agroecologici’. Di cosa si tratta? L’agroecologia è la scienza che applica i principi dell’ecologia alla produzione di alimenti e alla gestione di agroecosistemi. Coltivare l’orto producendo cibo sano, tutelando l’ambiente e il suolo, favorendo la biodiversità e aumentando la fertilità. Questi i principi su cui è strutturata l’iniziativa formativa rivolta sia a professionisti che hobbisti.

Il corso prenderà il via il 3 febbraio. In tutto 5 lezioni da un’ora e mezza ciascuna, il giovedì sera dalle 18.30 alle 20. Si svolgerà attraverso la piattaforma Zoom e si potrà seguire da qualsiasi parte del mondo, attraverso un dispositivo (pc, smartphone o tablet) dotato di connessione internet. La prima lezione del 3 febbraio si intitola ‘Agroecologia: come possiamo dare il nostro piccolo contributo ecologico al pianeta?’.

Giovedì 10 febbraio, invece, il tema sarà ‘Conoscere il terreno e renderlo fertile, contrastando il cambiamento climatico‘. Nella lezione successiva prevista il 17 febbraio si parlerà de ‘Le regole e gli strumenti di base per la conduzione di un orto agroecologico’. Il 3 marzo la lezione tratta de ‘Le piante e l’acqua: come, quando e quanto irrigare’.

L’ultima lezione è prevista il 10 marzo: ‘Quali sono i principali nemici delle colture orticole primaverili ed estive? Prevenire e curare con principi e tecniche naturali’. Non si tratta di una prima volta. Con l’esplosione della pandemia, nei primi mesi del 2020, Corinna aveva deciso di spostare i corsi previsti inizialmente in presenza in modalità on line (in quel caso si era utilizzato Skype). Iniziativa di grande successo, con 70 partecipanti suddivisi in 3 diversi gruppi. Tra loro anche un partecipante dall’Inghilterra (una ragazza che vive lì) e un partecipante da Roma. La replica c’era stata nella primavera 2021: oltre 50 iscritti da tutta Italia e anche dall’estero a un unico corso on line.

Si sono collegati su Zoom da Strasburgo, Praga, Berlino e dal Portogallo, oltre che da tutta Italia per seguire il corso sull’orto agroecologico. La docente Corinna Raganato, laurea in Scienze ambientali a Cà Foscari di Venezia, ora libera professionista, è agroecologa. Fa parte del direttivo provinciale del collegio degli agrotecnici di Treviso ed è tecnico controllore di agricoltura biologica abilitato dal Mipaaf. Il suo percorso sull’orto agroecologico ha il sostegno dell’associazione frazionale di Salvarosa di Castelfranco Veneto. ”Durante la pandemia, le persone hanno capito — spiega Raganato che coltivare l’orto nel giardino di casa è un’opportunità: ci si garantisce l’autosufficienza alimentare. Il percorso è rivolto a tutti, sia ad orticoltori esperti che a principianti assoluti dell’orticoltura, con l’obiettivo di fornire conoscenze di base sulle principali tecniche di coltivazione biologiche applicando i principi dell’agroecologia”.

Promo