Covid. Ugl metaleccanici: “la quarantena torni ad essere considerata malattia”

221 Visite

“L’Ugl Metalmeccanici esprime forte preoccupazioni in merito al fatto che dall’1 gennaio 2022 la quarantena non è più considerata malattia, perché il governo non ha previsto e prorogato la relativa copertura finanziaria fino alla scadenza dello stato di emergenza, posticipata al 31 marzo 2022”. Lo dichiara il segretario nazionale Ugl Metalmeccanici, Antonio Spera.

Per l’organizzazione sindacale “si tratta di un vuoto legislativo che sta penalizzando decine di migliaia di operai e, ovviamente, anche altre altre categorie, e di un controsenso, visto che tra gli obiettivi del Governo c’è anche quello di salvaguardare la salute e sicurezza di milioni di persone, ancora più in difficoltà qualora fossero lavoratori autonomi o fragili”.

L’Ugl Metalmeccanici ha raccolto lamentele anche da parte di operai dello stabilimento siderurgico Acciaierie d’Italia (ex Ilva) di Taranto, che intanto ha comunicato ai sindacati un nuovo protocollo Covid.

“Chiediamo ai ministri del Lavoro e dello Sviluppo economico, Andrea Orlando e Giancarlo Giorgetti, di rimediare – conclude Spera – a tale incongruenza, affinché a pagare il prezzo più alto della pandemia e della conseguente crisi economica non siano sempre e comunque le lavoratrici e i lavoratori i quali, da un lato, sono l’anello più debole della società ma, dall’altro, sono fondamentali per la tenuta sociale e economica dell’intero Paese”.

Promo