Comunali Taranto: civici vogliono le primarie.

74 Visite

A poco meno di un mese dallo scioglimento anticipato del Consiglio comunale di Taranto per le dimissioni di 17 consiglieri su 32 e l’insediamento di un commissario a Palazzo di Città, schieramenti e partiti già al lavoro per le prossime elezioni, che, indipendentemente dallo scioglimento dell’assise, si sarebbero comunque tenute nella prossima primavera. 

Oggi il via con due iniziative: il tavolo del centrosinistra e la presentazione del cartello civico “Patto per Taranto”. Da quest’ultimo fronte hanno ufficializzato oggi la proposta delle primarie ma il Pd e il centrosinistra dicono no. 

Per Nicola Oddati, della direzione nazionale Pd e commissario a Taranto, il sindaco uscente Rinaldo Melucci “è il candidato del Partito Democratico. Mi pare abbastanza chiaro che sia anche il candidato di tutte le forze che compongono il campo progressiva, la coalizione di centrosinistra. 

Anche il dialogo col M5S è molto aperto, molto spinto e positivo. Sono fiducioso che saremo una coalizione molto forte – afferma Oddati -, molto ampia, con Rinaldo Melucci candidato, per proseguire il lavoro fatto in questi cinque anni a Taranto”. 

Il Patto per Taranto, invece, si è presentato oggi come “una coalizione civica che ha i valori dell’entusiasmo, della pari dignità, del coinvolgimento, del confronto, cose che non riuscivamo a trovare altrove.

La campagna elettorale è fatta di condivisione di un percorso, ma quando quel percorso non lo condividi più, è arrivato il momento di staccare la spina e provare a scrivere una nuova visione di città”. 

Lo ha dichiarato Massimiliano Stellato, consigliere regionale Puglia per un movimento centrista che sostiene in Regione la coalizione di centrosinistra del governatore Michele Emiliano, ma anche tra i 17 firmatari dello scioglimento a Taranto.

Promo